Crea sito

Archive for settembre, 2011

5 duelli

by morettafra on set.26, 2011, under Classifiche


La storia del cinema è piena di duelli più o meno famosi,eccone cinque che per vari motivi mi hanno impressionato.
IL MISTERO DEL CONTE LOBOS-Duello con la spada
Sammo Hung (che nel film interpreta un imbranatissimo detective) si ritrova costretto a combattere in duello con il perfido fratello del Conte Lobos,con risultato esilaranti.

LA RESA DEI CONTI-Duello coltello contro pistola
Nel film di Sollima il peones Cuchillo Sanchez ingiustamento accusato di stupro si ritrova costretto a combattere per la sua vita in un duello coltello contro pistola.Se volete sapere come va a finire vi consiglio di recuperare il film,uno dei migliori Spaghetti-Western dei Sixties.

I DUELLANTI-Duello con la sciabola
L’intero film è di fatto un lungo insieme di duelli diversi,ma quello con la sciabola mi e rimasto impresso per una certa dose di brutalità.Difficile dimenticarsi Carradine e Keitel laceri e sanguinanti che continuano a combattersi.

IL MERCENARIO-Duello nell’arena
Ottimo western ambientato durante la rivoluzione messicana,il film di Corbucci offre un ottimo duello finale reso celebre dalle musiche di Morricone.In questo caso non ho trovato immagini ma la sequenza è visionabile qui.
DJANGO-Duello finale nel cimitero
Corbucci amava inserire nei suoi Western situazioni in cui l’eroe affrontava un duello in condizioni impari:in questo caso con entrambe le mani fracassate e impossibilitato a reggere la pistola.Problema che risolverà usando come apppoggio/riparo per la pistola una lapide del cimitero.Vedere per credere.

MENZIONI D’ONORE
I duelli di Sergio Leone nella sua trilogia del dollaro ovvero:
-Il duello pistola contro fucile tra Eastwood e Volontè in “Per un pugno di dollari”.
-Il duello al suono del Clarilon tra Volontè Van Cleef in “Per qualche dollaro in più”.
-Il Triello finale nel cimitero de “Il buono,il britto e il cattivo”.

8 Comments more...

Adottare un film

by morettafra on set.25, 2011, under Segnalazioni

Di fronte all’esasperante tendenza di rifare qualsiasi film in modo speso scialbo che è ormai una delle tendenze recenti di certo cinema il blogger Gianluca Santini ha lanciato una bella iniziativa:adottare un film.Cioè farsene padrini.Il film che ho scelto io è “Dracula Principe delle Tenebre” terzo film Hammer su Dracula nonchè il mio preferito della saga.(Improbabile che lo rifacciano,ma visto i tempi non si sa mai…) Potete ammirare il banner realizzato da Gianluca sulla colonna  a destra,mentre se volete saperne di più (e partecipare) la pagina dell’iniziativa è questa.

2 Comments more...

Predator 2 (1990)

by morettafra on set.23, 2011, under Recensioni Film


REGIA:Stephen Hopkins
SINOSSI
Los Angeles 1997.Infuria la guerra tra i diversi cartelli del narcotraffico,fino a quando qualcosa inizia brytalmente a uccidere sia spacciatori che poliziotti.Per vendicare un amico rimasto ucciso il Tenente Michael Harrigan decide di occparsi della faccenda.
COMMENTO
Realizzato dopo 4 anni dal primo capitolo il progetto originale prevedeva il ritorno di Schwarzenegger nei panni di Dutch.Ma Schwarzy in seguito al fiasco di Conan il Distruttore non ne vuole sapere di girare seguiti dei suoi successi e rifiuta.(La sua parte verrà riscritta e affidata a Gary Busey)
L’azione si sposta dalla giungla amazzonica alla giungla di asfalto della città di Los Angeles con la sua fauna di poliziotti e narcotrafficanti adepti del Voodo.(e su questo gioca l’incipit,che inquadra all’inizio la vegetazione della costa per virare velocemente verso l’asfalto)Dove la regia di Mc Tiernan nel primo film era precisa e affilata,volta a creare un atmosfera di terrore Hopkins sceglie invece quello che sarà lo stile tipico di molti film e fumetti degli anni 90:l’esagerazione.Violenza esagerata,sangue e piombo come se piovesse,imprecazioni,sputi e sudore già fin dalla prima sequenza con un fuoco incrociato tra narcos e poliziotti.Mentre qualcosa di inumano,un cacciatore alieno osserva pronto ad attaccare.Come nel primo film lo scopo del predatore e cacciare vittime valide e tra poliziotti e criminali avrà l’imbarazzo della scelta.Mentre nel frattempo un gruppo di governativi usando informazioni raccolte grazie al resoconto dell’avventura di Dutch si preparano a catturarlo.In mezzo a questo casino si trova il Tenente Harrigan (Danny Glover) poliziotto duro e incazzoso che cerca di barcamenarsi in una situazione che non capisce e che esigerà da lui il massimo,perchè l’alieno lo ha scelto come preda.E Harrigan dovra vendere cara la pelle,trovandosi a fare i conti con la sua paura delle altezze,sparando e lamentandosi di tutto.Pur se inferiore al primo (e spesso criticato negativamente) rimane comunque un buon film,al quale tra l’altro rimango legato perchè è stato uno dei primi film che ho visto.(Di nascosto a casa di un mio zio) 

Predator 2 Trailer

8 Comments more...

Hulk vs Wolverine (2009)

by morettafra on set.21, 2011, under Recensioni Film


SINOSSI
Preoccupati dagli avvistamenti di un enorme creatura verde le autorità canadesi affidano l’incarico di eliminarla al loro agente più adatto,il mutante artigliato Wolverine.
COMMENTO
Primo di una serie di mediometraggi che presentano gli scontri tra Hulk e altri noti eroi Marvel Hulk vs Wolverine si è rivelato una piacevole sorpresa.Visto casualmente un pomeriggio aspettandomi qualcosa di noioso e soft mi sono invece imbattuto nella migliore trasposizione animata del mutante canadese.Ovviamente non è la prima volta che Wolverine compare in un cartone,ma tutte le precedenti incarnazioni difettavano per un particolare:troppo edulcorate al fine di rivolgersi anche ad un pubblico di più giovani.(E quindi ecco che Logan evita sempre di usare i suoi artigli per sbudellare qualcuno cosa che invece nei fumetti fa abitualmente)Qui complice il fatto che sia un prodotto per l’Home Video le cose vanno diversamente.Wolverine affonda i suoi artigli nella schiena di Hulk e se viene colpito da un manrovescio del Golia Verde si ferisce e sanguina.Oppure quando Wolvie sistema una squadra di agenti del progetto Arma X li fa a pezzi con i suoi artigli,sequenza in cui i dettagli più crudi sono nascosti da un gioco di ombre ma che rimane di buon impatto.Ma a fare la gioia del fan di Wolverine è la sequenza del progetto Arma X,con l’infusione dell’Adamantio nelle ossa di Logan.Gli scienziati responsabili dell’operazione,i macchinari,il processo di fusione dell’Adamantio e l’addestramento subito da Wolverine sono fedeli al fumetto.(Con tanto di lotta contro l’orso bianco.)La storia si rifa al mitico episodio di Hulk che vede entrare in scena per la prima volta il mutante artigliato,aggiungendo anche una squadra di agenti del progetto Arma X incaricati di catturare Hulk per studiarlo.Squadra composta da vecchi nemici di Wolverine come Sabretooth e Lady Deathstrike o scarti del progetto come Deadpool il mercenario chiacchierone.Ben costruito anche il rapporto tra Hulk e Wolverine,due uomini più simili di quel che sembra,entrambi condannati a combattere contro la propria bestia interiore.In definitiva un buon risultato e un divertente modo di trascorrere un oretta.
Hulk vs. Wolverine trailer

6 Comments more...

Lo stupefacente Testa a Vite e altri bizzarri oggetti

by morettafra on set.19, 2011, under Recensioni Fumetti


Esiste un solo uomo capace di mischiare pulp,weird e riferimenti all’eta Vittoriana con squisita naturalezza.E quell’uomo si chiama Mike Mignola.Oltre a deliziarci con le avventure del suo ragazzone infernale e del B.P.R.D. Mignola scrive anche raccontini brevi dai toni fiabeschi che sono stati raccolti in questo volume.5 deliziosi raccontini a metà tra fiaba e pulp vittoriano uniti da sottili richiami.(e una certa dose di humour).Nel primo facciamo la conoscenza con il bizzaro Testa a Vite agente del presidente Lincoln contro minacce paranormali e il suo nemico l’Imperatore Zombie un mad doctor non-morto.Testa a Vite dal canto suo è una testa robotica che può agganciarsi e svitarsi a diversi corpi meccanici.(l’idea venne a Mignola pensando ad un giocattolo)Pur trattandosi di racconti brevi mignola sfodera la sua consueta bravura presentadoci architetture gotico-Vittoriane,maghi e serpenti che stringono amiciza,Marziani,fantasmi,streghe,diavoli di diverse foggie,marionette viventi e altre diavolerie.(con riferimenti a classici della letteratura fantastica)Quello che stupisce in questi racconti e che sembrano realmente storie ottocentesche,a dimostrare la bravura come autore di Mignola.Basta guardare a “Il prigioniero di Marte” che miscela idee alla Wells con una certa bizzaria alla Meyrink o “L’anima di una strega” che mi ha ricordato certe ironiche fiabe di Andersen.Ovviamente si riconferma anche il talento di Mignola come disegnatore.
Piccola nota:Da Testa a Vite fu tratto anche un breve cartone animato,come pilota per una serie mai completata.(e visionabile qui.)

2 Comments more...

5 film Gialli

by morettafra on set.16, 2011, under Classifiche


Parlando di gialli sono molto legato alla classica detection story alla Doyle o alla Christie e cinematograficamente parlando al Giallo all’italiana.Questi sono i titoli che più mi hanno colpito:
L’UCCELLO DALLE PIUME DI CRISTALLO
Opera prima dell’Argento che fù in cui si delineano già tutte le sue tematiche cardine:la soggettiva dell’assassino,il particolare dimenticato dal protagonista che potrebbe risolvere il caso,una certa dose di violenza unita con abilità e visionarietà nel riprenderla.

LA DAMA ROSSA UCCIDE SETTE VOLTE
Un giallo con elementi gotici e finto soprannaturali,in cui l’ultima discendente di un antico casato viene perseguitata da una vecchia leggenda di famiglia.

LO STRANO VIZIO DELLA SIGNORA WARDH
Erotico.Malsano.Violento.E con una magnifica Edwige Fenech.Già tutto questo basterebbe a rendere memorabile il film di Sergio Martino,uno dei migliori della sua filmografia.(Grazie anche alla colonna sonora di Nora Orlandi

SETTE NOTE IN NERO
Ottimo giallo di Lucio Fulci che aggiunge elementi paranormali e citazioni a Poe.(Con un tema musicale ripreso da Tarantino in Kill Bill)

NON SI SEVIZIA UN PAPERINO
Il miglior giallo diretto da Fulci,che ritrae perfettamente il clima di superstizione e arretratezza di un comune paesello rurale in cui un assasino uccide bambini.

FUORI SCALA
Qualsiasi giallo diretto da Mario Bava sia i capolavori come “6 Donne per l’Assassino” che titoli minori come “5 Bambole per la Luna d’Agosto”.

4 Comments more...

Il Vampiro di Gorbals

by morettafra on set.13, 2011, under Vampiri

Gorbals,Glasgow

23 Settembre 1954.Alex Deeprose commissario di polizia ricevette una chiamata da Glasgow che riguardava il locale cimitero di Gorbals.Aspettandosi l’ennesimo caso di vandalismo il commissario si avviò stancamente alla necropoli per trovarsi invece di fronte ad uno spettacolo assurdo.Un centinaio di bambini al di sotto dei 14 anni pattugliavano il cimitero,alcuni armati di coltello e rasoio.Interrogati sul perchè di un simile comportamento risposero che davano la caccia ad un vampiro alto 7 piedi con i denti di ferro che aveva già catturato e mangiato due bambini.Così inizio uno dei più singolari casi di panico collettivo della storia inglese.

Il cimitero di Gorbals

Nonostante gli ammonimenti della polizia i ragazzini tornarono a pattugliare per altre notti il cimitero,mentre i loro genitori si preoccupavano ceracando di capire cosa ci fosse di vero in quella storia.La stampa ovviamente si interessò al caso e intervistò anche alcuni insegnanti dei ragazzi,che dismisero tutto come una ridicola leggenda urbana.Leggenda Urbana o no il caso fù preso molto seriamente dal governo,che accettando la tesi che la colpa fosse dei fumetti Horror di origine americana come “Tales from the Crypt” e “Dark Misteries” arrivano ad emanare il Children and Young person Harmful pubblications 1955 che di fatto proibiva la pubblicazione di fumetti e riviste che ritraevano episodi di natura repulsiva.Ma i fumetti erano veramente da biasimare per questo episodio?Oppure l’origine risiedeva in altri fattori?Ronnie Sanderson che all’epoca aveva otto anni ed era uno dei bambini coinvolti nell’episodio del cimitero racconta ad esempio che tutto iniziò come un pettegolezzo scolastico (del quale per inciso non esistono prove a suffragio,i due bambini mangiati dal vampiro non esistevano) che finì con l’ingrandirsi sempre di più fino a suggestionare i locali.Un altro degli aspiranti vampire hunters Tam Smith ricorda come addirittura i genitori usassero come  spauracchio per mettere in riga i discoli un misterioso uomo di ferro.Anche numerosi accademici trovarono ridicola l’idea che fossero stati i fumetti a scatenare il panico,facendo notare come un uomo dai denti di ferro fosse presente anche in alcune filastrocche del posto.L’esperto di fumetti Barry Forshaw fece inoltre notare che in nessuno dei fumetti incrimanti erano presenti vampiri dai denti di ferro e che la presenza di pubblicazioni Horror nella zona era talmente rara che l’ipotesi che un bambino ne avesse letto uno era plausibile quanto il ritrovamento del Sacro Graal.Inutile dire che all’epoca la stampa non ascoltò queste ragionevoli obiezioni,preferendo invece puntare sul sensazionalismo.E rendendo celebre questo assurdo caso di iseria collettiva.

6 Comments more...

5 fumetti di Supereroi

by morettafra on set.09, 2011, under Classifiche

Nuova classifica in tema di fumetti.Non intendo occuparmi delle sempiterne collane di Marvel e Dc,ma di quelle opere autoconclusive che hanno cercato di ridefinire la figura del supereroe.(esclusi “Watchmen” e “Il ritorno del Cavaliere Oscuro” perchè sono i must del genere)                                                                                                                                                          THE ONE
Prima dei lavori di Miller e Moore l’autore underground Rick Veitch realizzò questo particolare fumetto per l’etichetta Epic della Marvel.Siamo in una realtà in cui la guerra fredda è stata un corsa agli armamenti superumani,con l’U.R.S.S. e gli Stati Uniti che al posto dell’atomica hanno i propri super umani.Fino a quando due strane entità non si manifestano l’Uno portatore di un messaggio di pace e l’Altro che invece si nutre dei lati peggiori dell’uomo.


                                                            MARSHALL LAW
In una California del futuro devastata dal temuto Big One i supereroi sono Vip perversi e amorali.A tenerli d’occho e a punirli quando sgarrano c’è Marshall Law violento vigilante legalizzato.The Boys di Ennis deve tutto al fumetto di Pat Mills che negli anni 80 satirizzava in modo spietato sugli eroi in calzamaglia.

                                                        THE AUTHORITY
Un gruppo di supereroi interventisti,che non si fanno problemi a risolvere a modo loro i grandi problemi del mondo.(abbattere dittature e governi corrotti,aiutare minoranze oppresse ecc.)Consigliata in particolare la run di Millar.

                                                            SUPREME POWER
Ottima miniserie in cui lo scrittore J.M. Straczinsky reimmagina in chiave realistica lo Squadrone Supremo,una sorta di Lega della Giustizia di casa Marvel.(Narrando nel frattempo i grandi cambiamenti dell’America.)Su tutti prevale il personaggio di Nottolone una sorta di Batman amalgamato con Malcom X.                                                         NO   HERO                                                                                                                                                            Per Per il sottoscritto il migliore fumetto di supereroi degli ultimi anni.Negli anni 70 un uomo scopre una variante delle LSD che dona superpoteri in base alla psiche del soggetto.Si creà cosi un gruppo di supereroi che nei tempi moderni sono i veri padroni del mondo,fino a quando qualcosa non va storto con un nuovo membro…
Ucronia,supereroi e droghe il tutto offerto da Warren Ellis.


ONOREVOLI MENZIONI
-DV8 di Warren Ellis e Humberto Ramos (su un gruppo di super adolescenti apatici,cinici ed egoisti)
-ASTRO CITY di Kurt Busiek

8 Comments more...

Rotten Vol.1

by morettafra on set.07, 2011, under Horror, Recensioni Fumetti, Western, Zombi


SINOSSI
1877.Stati Uniti.Una misteriosa epidemia riporta in vita i morti rendendoli aggressivi e antropofagi.Due agenti governativi William Wade e J.J. Flynn vengono incaricati di investigare sulla faccenda.
COMMENTO
A dispetto di quello che si potrebbe credere l’idea di piazzare un epidemia zombesca non è nuova,in passato se n’erano già occupati scrittori come Lansdale e Recchioni.Quello che distingue però “Rotten” dai suoi predecessori e l’assenza di toni pulp per sposare invece in pieno le tematiche del Romero della trilogia classica.Iniziamo con l’inquadrare per prima l’epoca.Siamo nell’America del 1877 reduci dalle elezioni che hanno visto vincere Rutherford B. Hayes da molti accusato di aver vinto tramite dei brogli elettorali,un presidente quindi non molto amata anzi sentito come imposto.Un periodo di tumulti in cui si va a inserire la classica epidemia zombesca come George Romero ci ha narrato.E in effetti si torna alle atmosfere de “La Notte dei Morti Viventi”.gli zombi sono lenti ma inarrestabili e le persone non sanno nulla di loro,nè da dove vengono nè come ucciderli.(Cosa che verrà appresa con l’esperienza)Nel tentativo di comprendere e risolvere il problema la Casa Bianca invierà a far luce due agenti tra loro diversi per carattere:Wade cinico e forzatamente richiamato in servizio e Flynn,medico e curioso di analizzare gli zombi per comprenderne l’origine.Nel primo volume si occuperanno di due casi:nel primo una cittadina mineraria colpita dal contagio,dove alla minaccia zombesca si mischiano le lotte tra i minatori (sfruttati e malpagati) e il ricco Blankenship padrone della miniera.Nel secondo invece una ragazza risorta come zombi viene invece creduta dalla famiglia e dai compaesanei (entrambi bigotti e troppo religiosi) una miracolata da Dio.(scatenando cosi una serie di polemiche che ricordano molto quelle suscitate dai moderni casi di eutanasia)La morale Romeriana emerge felicemente per tutto il volume in particolare nel primo episodio,in cui contro una comune minaccia due diverse fazioni di uomini non solo non riescono a far fronte comune ma proseguono nel combattersi esponendosi cosi sempre di più ad enormi rischi.(che prevedibilmente termineranno con un banchetto zombesco)”Rotten” è anche un solido fumetto western che rappresenta in modo realistico e crudo la vita nella frontiera americana.Per quel mi riguarda la lettura del primo volume è stata positiva al punto che posso affermare di trovarmi di fronte ad un fumetto finalmente in grado di tenere testa al “The Walking Dead” di Kirkman.

Rotten Booktrailer

6 Comments more...

Licantropi e fantasmi

by morettafra on set.05, 2011, under Il Bestiario


Una tesi piuttosto particolare e dibattuta tra gli studiosi del soprannaturale è la possibilità che i lupi mannari siano in realtà entità provenienti da un altro mondo che a volte si interseca con il nostro.Spiriti insomma e non uomini in carne e ossa che subiscono una mutazione.Tale ipotesi ha origine da alcuni bizzarri casi ,alcuni dei quali studiati dal cacciatore di fantasmi Elliott O’Donnell.In un caso da lui riportato in uno dei suoi testi una donna del Galles di nome Jean St. Denis ebbe un faccia a faccia ravvicinato con uno di questi uomini lupo spettrali.Recatasi di notte per disegnare alcuni schizzi alla stazione ferroviaria della zona Jean intravide una figura seduta su una delle panchine.La donna pensando che fosse un uomo gli chiese persino l’ora.Allontanatasi per tornare a casa si accorse che lo strano figuro la seguiva.Deciso ad affrontarlo si girò e lo illuminò con la torcia trovandosi di fronte un vero uomo lupo.Stando alla sua descrizione il corpo era nudo e grigio,simile a quello di un uomo ma sormontato da una testa di lupo con occhi fiammeggianti.L’essere avanzo verso di lei per poi svanire nel nulla.Un altro caso invece è riportato dal parapsicologo Robin Furman che lo ha vissuto in prima persona a Grimsby in Inghilterra.Una notta sua figlia si lamentò che uno strano essere la spiava dalla porta della sua camera.Furman andò a dormire nella sua camera  e vide comparire una sagoma antropomorfa con testa di lupo che dal corridoio fissava l’interno della stanza,per poi scomparire lentamente.A detta del parapsicologo l’apparizione non sembrava malvagia ma solo curiosa.
Anche il reverendo Montague Summers riporta di un caso verificatosi nel 1880 nel Merionethshire nei pressi di un lago.Un professore di Oxford e la sua consorte avevano affittato un cottage per l’estate,quando un giorno vogando sul lago l’uomo trovò uno strano teschio simile a quello di un cane.Deciso ad esaminarlo lo porto in casa e lo lascio sul tavolo della cucina.Una volta giunta la sera la moglie del professore che era da sola in cucina senti qualcosa grattare contro la porta.Spaventata sbarrò l’ingresso e cosi vide ciò che cercava di entrare:un essere mezzo uomo e animale,con grandi zampe pelose simili a mani e occhi rossi da cui traspariva un intelligenza diabolica.La poveretta terrorizzata fu salvata dal ritorno del marito e di un suo amico che si erano allontanati per passeggiare.L’uomo lupo sentendo qualcuno avvicinarsi scomparve.Informati dalla donna dell’accaduto il professore e il suo amico la sera successiva montarono la guardia armati di fucile.L’essere tornò a grattare alla porta avvolto da una strana luminescenza,ma il professore e il suo amico lo misero in fuga,osservandolo svanire nella foresta.Il giorno dopo il professore buttò nel lago lo strano teschio mettendo fine alle apparizioni.Un caso simile si verifico invece agli inizi del XX secolo in Scozia nelle Ebridi e ne furono protagonisti un giovane di nome Adam Warren e suo nonno.Quest’ultimo interessato di geologia e storia naturale trovo delle strane ossa mentre esaminava un cespuglio.Portatole con se a casa le fece esaminare dal nipote e salto fuori che erano i resti di una creature simile ad un uomo ma con testa di lupo.Una sera in cui i suoi famigliari erano andati in chiesa Adam senti grattare alla finestra.Con suo enorme shock il ragazzo vide una testa di lupo su un collo umano.La creatura aveva le labbra arriciate a mostrare i denti e ad un certo punto appoggiò sul vetro una mano pelosa e con gli artigli.Terrorizzato Adam scappò a nascondersi nel vestibolo,dopo aver chiuso la porta che dava alla cucina.Il giorno dopo Adam e il nonno riportarono le ossa nel bosco e le seppelirono.L’uomo lupo scomparve nel nulla.Esistono anche casi recenti come il caso dele teste di Hexam del 1972 nel Northumberland.Un ragazzino di nome Colin Robson e il fratello trovarono sotterate due teste di pietra,una di lupo e una simile al volto di una strega.Dopo averle portate cone se si verificarono dapprima dei fenomeni di poltergeist:le teste si muovevano come vive e il letto di una delle sorelle di Colin fu fatto a pezzi.Nella casa dei loro vicini i Dodd fu visto un uomo lupo nella camera da letto,il licantropo una volta scoperto fuggì per le scale.Le teste furono vendute ad un antropologa di nome Anne Ross senza riferirle delle apparizioni.Ben presto l’uomo lupo cominciò a manifestarsi anche a lei.Una notte si sveglio infreddolita per trovarsi di fronte un uomo con testa di lupo alto 1,80 e ricoperto di pelle nera.L’essere fuggi per scomparire sul retro della casa.Anche la figlia di Anne lo vide un pomeriggio.In breve il licantropo si manifesto all’intera famiglia.Di norma il lupo mannaro sostava sulle scale oppure sulla balaustra.Spesso si sentiva il rumore della sue zampe che correvano senza vedere nulla.Ormai la casa era infestata.La situazione prese una nuova piega quando comparve un uomo che disse di aver costruito nel 1956 le teste come balocchi per le figlie,ma che queste ultime le avevano perse.L’uomo riprese con se i due manufatti mettendo fine all’infestazione ma lasciando i Ross senza una spiegazione per le apparizioni del lupo mannaro.Ma d’altronde se già è difficile spiegare i normali casi di fantasmi,tutto diventa più complicato quando gli spiriti sono dei lupi mannari. 

Le "teste" di Hexam

Commenti disabilitati more...

Creare blog