Crea sito

Distruggete Frankenstein! (1969)

by morettafra on nov.04, 2011, under Horror, Recensioni Film


Distruggete Frankenstein! rappresenta il punto più alto raggiunto dalla saga Hammeriana del Barone nonchè uno dei titoli migliori realizzati da Terence Fisher.Dopo le precedenti disavventure Victor Frankenstein si nasconde a Londra.Con la complicità di una giovane coppia (complicità ottenuta con il ricatto) Frankenstein decide di far evadere dal manicomio in cui è rinchiuso il Dr. Brandt un tempo luminare della scienza ora impazzito.Il Barone intende farlo rinsavire tramite un trapianto di cervello,ma non tutto va come programmato…
Questo film porta a termine un processo di crescita ed evoluzione del personaggio di Frankenstein condotto da Fisher e dal grande Peter Cushing.Il Barone Frankenstein è ora un personaggio negativo a tutto tondo quando nei film precedenti aveva mostrato anche sprazzi di umanità.(Assumendo un ruolo positivo nel film precedente La Maledizione dei Frankenstein.)Arrogante,cinico e crudele il Barone non si fà problemi a ricattare e uccidere,arrivando addirittura allo stupro.(In una scena voluta dal produttore Carreras ma contestata e odiata sia da Fisher che da Cushing)Ma come si diceva questa è la naturale evoluzione del personaggio in seguito ai rifiuti e le sconfitte subite nei capitoli precedenti.In seguito al clamore suscitato dalle operazioni di trapianto del periodo si scelse di porne una al centro del film.Elemento che Fisher usa per tratteggiare con la sua consueta abilità una nuova creatura nata dalla mente di Frankenstein.Nei film di Fisher il mostro si distingue sempre dal prototipo Universal per aspetto e soprattutto per la profonda umanità che trasparre dagli occhi.(unita alla consapevolezza di essere un diverso)In questo caso la creatura è il Dr. Brand divenuto pazzo a causa di una pressione esercitata dal cranio su una zona del cervello e guarito con il trapianto in nuovo corpo.Operazione che lo rende di nuovo savio ma anche un diverso e un mostro.Toccante la scena in cui si presenta dalla moglie e le parla nascosto da un paravento per non farsi vedere,con quest’ultima che si rifiuta di riconoscerlo.(Scena ben interpretata da Freddie Jones)Al rifiuto segue la rabbia e la decisione di vendicarsi di Frankenstein che porta ad una delle più intense e belle sequenze di regolamento dei conti del cinema.Finalmente Frankenstein trova un avversario degno di lui.Il film possiede un livello di violenza più alto rispetto ai capitoli precedenti ma che non arriva mai a sfiorare lo splatter.(pur offrendo anche una decapitazione in pieno centro di Londra.)Fisher dirige la suspense in modo raffinato,basti pensare alla sequenza in cui a causa di un guasto idrico Veronica Carlson deve evitare che gli operai accorsi per la riparazione scoprano il corpo di una delle vittime del barone.Un momento di pura suspense e tensione.Dopo questo capitolo la Hammer avrebbe cercato di rinnovare la saga di Frankenstein con un remake del primo capitolo influenzato dalle mode giovanili Gli Orrori di Frankenstein.Ma fu un clamoroso flop,alla fine l’unico vero Frankenstein Hammer è quello di Fisher e Cushing.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • Blogplay

6 Comments for this entry

Creare blog