Crea sito

I Dodici

by morettafra on mag.20, 2011, under Horror, Recensioni Libri, Vampiri


SINOSSI
Russia 1812.L’armata Napoleonica procede inarrestabile verso Mosca.Il capitano dell’esercito Aleksei Ivanovich Danilov e i suoi collaboratori nel tentativo di risollevare le sorti del conflitto si affidano a 12 uomini,12 mercenari Valacchiani l.Che però non sono affatto ciò che sembrano…
COMMENTO
Chi mi conosce e si ricorda del mio vecchio nickname (Il vampirologo che ride) sa della mia passione per i vampiri.(Quelli veri,non gli emo degli ultimi anni)Non potevo quindi farmi sfuggire il romanzo d’esordio di Jasper Kent che parla appunto di vampiri durante la campagna napoleonica in Russia.I vampiri sono quelli classici con i poteri e le debolezze a cui ci hanno abituato anni di cinema e libri.La vicenda parte lentamente descrivendo la situazione  che spinge Aleksei e suoi collaboratori ad una simile (disperata) mossa.Poi prosegue descrivendo i massacri perpetrati dai Dodici ai danni dei francesi e seminando indizi sulla loro vera natura per poi dare inizio nella seconda parte al conflitto vero e proprio tra Aleksei e i Dodici mostri che inconsapevolmente ha chiamato nel suo paese.(A cui fa da sfondo una Mosca conquistata,deserta e in fiamme)Aleksei a lungo riflette e si interroga sulla moralità della sua situazione:è giusto fare uso di simili mostri pur di vincere (pagando un prezzo di vite umane) oppure l’unica cosa sensata sarebbe sterminare dei simili orrori?(In più su Aleksei pesa anche una relazione adultera con una giovane  prostituta).Queste parti possono per alcuni risultare pesanti,mentre per me hanno rappresentato un elemento utile alla caratterizzazione del protagonista.(Specificando che le riflessioni di Aleksei non riguardano solo i vampiri ma anche la realtà della guerra e dell’uomo e che simili riflessioni vengono fatte anche da altri personaggi)Il lato storico è ben curato,la guerra è descritta con realismo e l’autore scandisce le date usando il calendario russo del periodo.Se si vuole trovare un difetto potrebbe essere nella relativa facilità con cui Aleksei elimina i vampiri,ma in realtà non si tratta di un elemento tale da rovinare l’intero romanzo.(inoltre ho parlato di relativa facilità…)Se cercate qualcosa di valido in tema di vampiri allora avete trovato il romanzo giusto.
P.S.Questo è il primo titolo di una saga,negli states è da poco uscito il secondo capitolo.Lo vedremo in Italia?Se mi devo basare sulla tendenza degli editori a non completare le saghe vampiriche interessanti direi di no.
NOTA.Ho preferito usare una delle copertine originali del libro per questa recensione perchè la cover italiana (con il solito fesso incappucciato) è francamente orribile.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • Blogplay
:, ,

10 Comments for this entry

  • EDU

    Questo non lo conoscevo assolutamente. Lo metto in cima alla lista dei film da vedere. Ottima segnalazione Fra. ^__^

  • morettafra

    @Edu.Non te ne pentirai.

  • Nick

    Non lo conoscevo neanche io.
    Grazie della segnalazione.

  • morettafra

    @Nick.Figurati, segnalare cose poco note ma valide è un piacere.Diffondiamo il verbo!

  • morettafra

    Ho appena cestinato un commento che poco aderente con questo post,che derideva un altro utente.Spero che fosse uno scherzo,perchè questo tipo di commenti non sono AMMESSI!

  • Eddy

    Scusa Fra ma ormai comincio a farmi conoscere per “il zuccone”… ma è un romanzo o un film (commento di EDU)?

    P.S.: Come sai odio profondamente i pampiri. Se mi consigli male ti faccio recapitare a casa una cassa di Evian santa in cui ho bollito 15 chili di aglio… XD

  • Eddy

    P.S.: IL zuccone… non “lo”, eh? Non è errore di battitura. Sennò che minchia di zuccone sarei?

  • Nick

    Appena cestinato un commento offensivo?
    Cominciano subito, eh?
    Che schifo!
    Basta che non ce l’avessero con me; ma a prescindere su chi sia il destinatario, queste cose sono atti da vigliacchi.E hai fatto bene a cestinarlo.
    Scusami per l’O.T e adesso torniamo pure a parlare di cose serie. ;)

  • morettafra

    @Eddy.Si tratta di un romanzo non di un film e non preoccuparti non è un romanzo di vampiri sui generis ha una certa importanza anche la parentesi storica.

  • morettafra

    @Nick.Non era il commento più offensivo che mi sia mai capitato di leggero,era più uno sfottio ma comunque dato che il blog non l’ho aperto per permettere a degli sconosciuti di sfottere l’ho cestinato.Spero che episodi simili non si ripetano.

Creare blog